Jump to content
  • Forum Subscriptions
    Monthly subscription rates and modalities for downloading files from the forum.

    Online database
    List of all ECUs with increased power and reduced fuel consumption, buy an original or modified files via the Internet.

    ETP Authorized Installers
    Become our installer! Offer all chip tuning services in maximum safety and speed.

    Products
    View our products, total security for programming controllers.

    Services and changes offered
    List of changes available from ETP and our certified installers.

marcomato

02 Sensor. Decat Ed Errore P0136

Recommended Posts

Vediamo se qui c'è qualche vero esperto ;-)

 

 

Ho una kia, euro3 , con lambda, precat, seconda lambda, cat principale.

 

 

Il precat è stato eliminato, in quanto comunque inefficente  (appariva il codice p0136 gia prima, ed i picchi erano quasi analoghi a quelli del segnale lambda 1) e sebbene l'auto, in seguito alla riparazione di altri malfunzionamenti che hanno definitivamente bruciato il precat, vada benone, non riesco ad eliminare la MIL sul cruscotto.

 

Oltre a rivolgermi ad un "esperto" di elaborazioni che mi ha consigliato di montare un (costoso) emulatore di o2 sensor tipo bonalume, in quanto ritiene che eliminare il feedback della seconda lambda tramite programmazione non sia possibile, ne ho tentate varie. 

 

0) staccata semplicemente la sonda, chissachè gli dei degli inferi facessero in modo che la centralina la ignorasse.  Ovviamente no. Minimo irregolare, vuoti,e spia accesa.

 

1) montato il "distanziale" , che ha drasticamente ridotto i picchi, ma dopo una accelerata a motore caldo pieno carico, faceva piombare il voltaggio in lettura quasi a zero.

error P0136,02 sensor, low voltage

 

2) emulatore stile moto, con resistenza 1mohm 1/2w nel circuito lambda e 330ohm  al posto del riscaldatore, nel connettore, ovviamente a sonda staccata.

Si è aggiunto anche p (0141?) riscaldatore02sensor inefficente.

 

3) modifico la sonda con il celeberrimo "filtro passa basso" che in rete sembra la panacea degli skatalizzatori.... con resistenza 1mohm in serie al circuito e condensatore 1mf in parallelo a monte.

 

50km percorsi, e la spia si riaccende..... ho una bella lettura attorno ai 475mV senza picchi...che la centralina ritiene siano evidentemente  troppo pochi.

 

 

A questo punto considero: 

- Comprare un emulatore passivo, che costi anche 100 euro, non risolverà il problema.

-Un nuovo precat, nuovi collettori e lambda nuove vorrei evitare. Anzi, crecavo i collettori in acciaio del modello euro 2 con 9 cavalli in più. 

-Potrei pensare di comprare  una nuova lambda ed installarla DIETRO il secondo cat, ancora presente. O montare un minicat.  Che però sono soluzioni anch' esse costose, e a questo punto non so se di sicura efficacia.  Infatti so che ci sono catalizzatori ossidanti e riducenti. Non vorrei mai che la mia auto ne avesse avuto uno di entrambi, e pertanto se la sonda sniffa gas non catalizzati correttamente (come da precat originale) la spia ricompaia nonostante tutto.

 

Mi resterebbe un ipotesi economica, anche se non banale (per uno che non nasce elettrotecnico)... visto che sembrerebbe la centralina richieda non solo un segnale stabile ma anche  un valore più alto di quello di riferimento (0.475 v ) , ovvero-credo- 600-700 millivolt,  si potrebbe inserire o sostituire al circuito un piccolo alimentatore, ottenuto con partitori-resistenze a partire dal circuito 12 volt del riscaldatore?   o c'è modo di fare un piccolo amplificatore lineare? o avete qualche altra idea creativa, visto che quelle che si trovano in rete le ho provate tutte? :confused:

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

riesumo...più che uppo... in quanto dopo tanti anni ho ancora quest' auto, onusta di gloria gare viaggi e divertimento...

 

ho cambiato alla fine i collettori euro 3, e trovato quelli euro 2,  4in1 senza precat.     Per un bel po' sono andato con fili riscaldatore lambda attaccati alla sonda e filo segnale attaccato ad un filo di un componente pagato a caro prezzo come emulatore o2 sensor...che in realtà emulava la lambda  normale... non quella dopo il cat, e pertanto ho riutilizzato parzialmente come alimentatore.

   Ora comunque non ho più il secondo foro per una sonda, e da tempo si era bruciato il circuitino. 

Per cui ho semplicemente rimosso la spia avaria... :rolleyes:  e controllavo la diagnostica con Torque,  fatti salvi i tre errori "fissi"   bank 1 sensor 2  e riscaldatore della stessa, e lampadina MIL bruciata... :lol:

 

Nessuno ha qualche soluzione carina da segnalare o suggerire,  tipo uno schemino semplice per trasformare i 12/14 volt in 350/500 millivolt? dico 350... perchè ad una capo della lambda ce ne sono 200 circa (se ben ricordo) ed all' altro capo se ne aspetta tipo 500 e qualcosa. 

Edited by marcomato

Share this post


Link to post
Share on other sites

devi fare una boccola sulla seconda sonda,gli fai un forellino da 2 mm e sei a posto(una sorta di distanziale chiuso,con solo un forellino da 3mm che lo collega all impianto di scarico.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

    • 5 Posts
    • 179 Views
    • 26 Posts
    • 7257 Views
    • 3 Posts
    • 1361 Views
    • 2 Posts
    • 1291 Views

×
×
  • Create New...
ETP Solutions GmbH
Sutermattenweg 8 8932 Mettmenstetten, Switzerland admin@ecutuningperformance.com
Facebook Google+